Simona Paleari

27_©simonapaleari09_©simonapaleari

GALLERIA QF1 _ Via Carducci 29

VICINO L’ARGINE

Fotografie di Simona Paleari
Progetto commissionato da DOMInUS, Distretto culturale dell’Oltrepò Mantovano, per il progetto del FAR 2013-2014 Per il progetto del FAR (Fondo di Architettura Razionalista) mi è stato chiesto di lavorare sul territorio dell’Oltrepò Mantovano dando particolare attenzione alla società di questi luoghi. Da subito ho pensato che avrei dovuto seguire il Po ed il suo corso prendendo in considerazione quei paesi che sono vicino al fiume e partendo dalle Architetture Razionaliste ho documentato la società che gravita attorno a questi luoghi. Il mio viaggio è iniziato a Pegognaga, paese promotore di questo progetto, per poi spostarmi da una località all’altra ritraendo le persone che ho incontrato lungo il percorso. Quello che avevo in mente prima di partire erano i lavori di alcuni autori: Gente del Po di Antonioni per ‘vedere’ la gente di quei luoghi, Verso la foce di Gianni Celati e Morimondo di Paolo Rumiz per comprendere meglio i paesaggi incontrati. Il Po è il filo rosso e le architetture razionaliste sono i punti di riferimento di questa ricerca. Ho percorso circa 45 km di Po, da Pegognaga a Sermide, passando per San Benedetto Po, Nuvolato di Quistello, Quingentole, Pieve di Coriano, Revere, Ostiglia, Sustinente, Borgofranco sul Po, Moglia di Sermide. Le architetture prese in esame sono campi sportivi, municipi, un centro culturale, scuole, luoghi di forte socialità dove le persone si incontrano quotidianamente. Sono architetture imponenti, come il municipio di Borgofranco sul Po, costruito vicino all’argine o come il Mulino di Moglia di Sermide, antica struttura realizzata sulla via principale, dove lavorano i fratelli Carlo e Alberto. Un’altra importante architettura razionalista è il campo sportivo G. Ferrari (da cui è partita la mia ricerca) caratterizzato da un’ imponente ingresso, luogo di incontro di molti giovani, è custodito da Giuseppe e da Mara che mi hanno fatto entrare negli uffici e nelle stanze della struttura. Le persone incontrate sono gli abitanti o gente del posto: un libraio, un sindaco, una segretaria, un addetto alle pulizie, pensionati, ragazzi, assessori, gente comune con cui ho cercato di instaurare un dialogo per poterli fotografare, loro mi hanno raccontato un po’ della propria vita e io ho raccontato il perché fossi lì. Ho spiegato il progetto e molti erano interessati e incuriositi, alcuni anche desiderosi di farsi ritrarre. Ho cercato di rappresentare ogni individuo nel luogo che meglio lo rappresentasse, per descrivere la società così come l’ho trovata. La gente che vive vicino al Po sente un forte legame con il fiume: lo vive, lo naviga, lo osserva. Ho incontrato un gruppo di pensionati ad un chiosco di Revere, seduti ad un tavolo sulla riva del Po e mi hanno chiesto di essere fotografati, incuriositi dalla mia ingombrante attrezzatura. La fotografia l’hanno fatta loro, io ho solo posizionato la macchina fotografica: il portamento, il rigore della postura e l’intensità dello sguardo di questi uomini lasciava trasparire la consapevolezza che una fotografa è un documento importante. Sono amici da anni, uno si è trasferito a Roma, ma ogni anno si trovano lì, in quel chiosco vicino al Po. Ho incontrato Luciano e Alfredo alla Canottieri Revere, mi hanno accolta per un paio di ore mentre io facevo loro degli scatti. Luciano, persona esuberante e profondamente legata al fiume, voleva portarmi sulla barca per fare un giro. Alberto, presidente del circolo nautico Piarda di Quingentole, l’ho fotografato davanti al Po, mi ha raccontato che per qualche anno ha vissuto a Milano, ma poi è tornato e ho visto in lui il legame con quella terra. Vicino l’argine è un progetto fotografico sulle persone che ho incontrato seguendo il corso del fiume, partendo dalla documentazione delle architetture razionaliste e dei luoghi adiacenti. Le architetture razionaliste hanno un forte rigore, sono imponenti, squadrate, fortemente geometriche. Nei ritratti ho voluto dare lo stesso rigore formale, la stessa compostezza. Vicino l’argine mi ha fatto conoscere il fiume, la gente e la loro accoglienza, le architetture dell’Oltrepò Mantovano e la loro funzione sociale.

LE TRE GALLERIE

3 GALLERIE


Un nuovo polo per la fotografia a Verona

TRE MOSTRE AL MESE

3 MOSTRE


3 autori espongono le loro opere.

WORKSHOP CON GLI AUTORI

I WORKSHOP


Gli autori delle mostre incontrano i curiosi della fotografia/p>

striscia gabriele

L'ARCHIVIO


Ecco cosa abbiamo fatto fino ad oggi