SEX TRAFFICKING IN EUROPE

MM2pagina singolamm pagina singola

GALLERIA QF2 _ Via Carducci 9

SEX TRAFFICKING IN EUROPE

Fotografie di Mashid Mohadjerin
Mentre la tratta di esseri umani è una questione globale, la crescita della tratta di donne dall'Europa orientale verso l'Europa occidentale negli ultimi vent'anni non ha eguali in nessun'altra parte del mondo. Europol, UNODC e IOM concordano sul fatto che non esistano dati accurati sulla tratta di esseri umani in Europa, si stima però che riguardi circa 1,5 milioni di vittime. "Possiamo controllare i loro documenti, ma non possiamo determinare se qualcuno è qui volontariamente o no", dice Eva Mielnicki, capo del dipartimento traffico umano della polizia federale belga. "Possiamo solo aiutare quando le vittime denunciano e chiedono di aprire un caso ". Le ragazze vulnerabili vengono trascinate in una vita di schiavitù, allontanate dal loro paese, senza legami con le loro famiglie, costrette a vendersi, lavorando nell'industria del sesso senza diritti e senza identità. Poiché le vittime della tratta sono isolate e brutalizzate, parlare apertamente alle autorità è estremamente difficile. La Romania è un punto di transito con una posizione strategica tra l'Europa orientale e quella occidentale e persino per i paesi al di fuori dell'Unione Europea, il crocevia ideale per il traffico internazionale di schiavi. L'ingresso del paese nell'Unione Europea nel 2007 ha portato a una regolamentazione più rilassata delle frontiere e ha aumentato la sua attrattiva per i trafficanti internazionali di esseri umani. Mashid si è recata in Romania, Italia e Belgio, documentando i trafficanti, i responsabili delle organizzazioni di aiuto, le forze dell'ordine, le prostitute e i sopravvissuti al traffico, per avere un'idea di quanto sia nebuloso e complesso combattere la tratta di esseri umani in Europa.


LE TRE GALLERIE

3 GALLERIE


Un nuovo polo per la fotografia a Verona

TRE MOSTRE AL MESE

3 MOSTRE


3 autori espongono le loro opere.

WORKSHOP CON GLI AUTORI

I WORKSHOP


Gli autori delle mostre incontrano i curiosi della fotografia/p>

striscia gabriele

L'ARCHIVIO


Ecco cosa abbiamo fatto fino ad oggi