NO MORE

monny 2MONNY

GALLERIA QF1 _ Via Carducci 29

NO MORE

Fotografie di Marco Monari
Toccabili e intoccabili

L’uomo ha qualche problema. All’apparato espiatorio. E i soliti problemi alla fauna, intestinale: che specie animale mi possiede quando voglio possedere ad ogni costo?Sembriamo ancora svolazzare tra alberi di antiche mutande, foglie di fico, che non riescono più a coprire lo scandalo epocal-genital-maniacale per anni rimasto in famiglia (dove i panni sporchi non si mettono a lavare, si mettano a tacere) quando ancora le donne avevano pure dei dubbi e non solo degli uomini che le assalivano, o si avvalevano del quinto emendamento quello di non rispondere, delle molestie o peggio delle violenze; poi gli uomini si avvalevano di un altro emendamento, quello di non domandarsi mai: “Perché son ridotto così?”. Storia vecchia come il modo: voglio provarci con te, sono impunito sicuro di me, tu sai perchè (certi umani non sono mai imbarazzati, solo un po’ “contratti”, dai una cosa a me io a te: violare è potere!). La cura? Pene esemplari? O esemplare di pene, da curare? “Non sostare fermo davanti a una donna...”. Allora frenati, scendi dalla tua macchina del sesso: giù le mani e vai a piedi (da un estetista che tagliandoci le grinfie, almeno quelle mani allungate ce le accorcerà subito, in nome di altra bellezza, altri erotismi, altra sensualità, come quella di non trovar scuse ma cominciare a farle). Alessandro Bergonzoni

Questa citazione di Alessandro Bergonzoni, mi sembra dica tutto sulla storia delle donne, che è la storia della peggior tirannia che il mondo abbia mai conosciuto: la tirannia del debole sul forte. È l’unica tirannia che resiste. È una tirannia che giudica sbagliato ciò che molti (uomini) non conoscono, invece di cogliere l’occasione per comprendere un’alterità. Il pensiero delle donne non parte da una tabula rasa che permetterebbe la costruzione di un sapere alternativo femminile, non è un sapere altro, ma un’alterazione del sapere. L’uomo può essere in armonia con se stesso se esiste un accordo di due o più suoni; per essere uno egli ha bisogno degli altri. Avvalorando l’importanza dell’alterità e della differenza si può esigere lo stesso trattamento di tutti gli individui. Si potrebbero evitare quelli che oggi vengono considerati “crimini contro l’umanità”, perché si darebbe valore al singolo uomo in quanto tale, possessore di diritti in quanto essere umano uomo o donna che sia. Questo è l’avvertimento di questo percorso fotografico: Non serve conoscere il prezzo di tutto senza conoscere il valore di nulla, perché solo nel rapporto con gli altri si può vivere l’esperienza della libertà. Paolo Mazzo Fotografo


LE TRE GALLERIE

3 GALLERIE


Un nuovo polo per la fotografia a Verona

TRE MOSTRE AL MESE

3 MOSTRE


3 autori espongono le loro opere.

WORKSHOP CON GLI AUTORI

I WORKSHOP


Gli autori delle mostre incontrano i curiosi della fotografia/p>

striscia gabriele

L'ARCHIVIO


Ecco cosa abbiamo fatto fino ad oggi