Maledetti Social

maledetti socialmaledetti social foto

GALLERIA QF1 _ Via Carducci 29

MALEDETTISOCIAL

Fotografie degli alunni del corso Intermedio
Un corso di fotografia della scuola superiore di Verona, la Scuola di Formazione Professionale Istituto Canossiano Oggi circa tre miliardi di persone si connettono ogni giorno a Internet. La maggior parte di queste lo fa per utilizzare i “Social Network”: per lavoro, per tenersi in contatto con gli amici o per divertimento. Facebook ma in particolare Instagram, sono un modo per chiunque di mettere in mostra, in vetrina, le proprie vite, i propri pensieri, i propri lavori. Tutti possono accedervi, tutti possono postare, commentare, nessuno escluso partecipa alla vita degli altri, anzi spesso si sente quasi in dovere di far sentire la sua voce. Nei social si è tutti chef, tutti fotografi, tutte modelle. Tutto è impeccabile grazie ad un filtro, nelle foto risultiamo sempre bellissimi. La sindrome di Narciso ci a colpiti e continua a farlo. Le pose, gli abbracci, le didascalie sotto gli scatti. Andiamo a vedere che cosa fanno i nostri followers e non, bramiamo il caffè di sturbucks che hanno fotografato, ci andiamo anche noi pur di far parte di quel Paese delle Meraviglie degli altri. Una realtà parallela artificiale, perché osservando bene questa generazione social ci viene quasi automatico notare che tutto questo non è altro che una facciata dipinta e ridipinta che si scrosta per dare nuove facce di noi, ma che sotto ci sta tanta insicurezza e paura di non essere mai abbastanza, di non essere mai all’altezza. Il lato positivo dei social network lo conosciamo, ma siamo sicuri di conoscerne anche il lato “maledetto”? Maledettisocial è un profilo Instagram creato con e per gli alunni di una scuola superiore di Verona, la Scuola di Formazione Professionale Istituto Canossiano. Il docente Marco Monari ha lavorato con gli alunni delle prime superiori durante un corso di fotografia, il tema da svolgere era raccontare le proprie giornate attraverso le fotografie postate sul social network. Il risultato sono queste 2700 immagini che senza filtro vogliono raccontare un piccolo spaccato di società, un punto di vista dei giovani. Vi invitiamo a guardarle senza preconcetti e facili giudizi, vi invitiamo a soffermarvi e a chiederevi come saranno le immagini che realizzeranno i nostri giovani tra 5 o 10 anni. Buona visione a tutti.

LE TRE GALLERIE

3 GALLERIE


Un nuovo polo per la fotografia a Verona

TRE MOSTRE AL MESE

3 MOSTRE


3 autori espongono le loro opere.

WORKSHOP CON GLI AUTORI

I WORKSHOP


Gli autori delle mostre incontrano i curiosi della fotografia/p>

striscia gabriele

L'ARCHIVIO


Ecco cosa abbiamo fatto fino ad oggi